Come Stampare da Remoto Tramite Internet – Guida a Google Cloud Print

In questa guida spieghiamo come stampare da remoto tramite Internet.

Lo scopo di questo articolo non è quello di spiegare come utilizzare una stampante condivisa in una rete locale.
Vogliamo invece parlare di come risulta essere possibile stampare utilizzando un Pc connesso a Internet ma che si trova in una rete diversa da quella in cui è presente il computer collegato alla stampante.
Per fare un esempio, stampare da casa sulla stampante collegata al computer presente in ufficio.

Le soluzioni per fare questo sono diverse, noi vogliamo parlare però di una delle più semplici, Google Cloud Print.
Si tratta di un servizio gratis offerto da Google tramite cui è possibile stampare da Internet senza bisogno di eseguire operazioni che possono essere complesse, come la configurazione di IPP, Internet Printing Protocol, e la modifica delle impostazioni del firewall.

Introduzione a Google Cloud Print

Google Cloud Print è una tecnologia tramite cui è possibile collegare le stampanti a Internet.

Tramite il servizio è quindi possibile condividere con chi si vuole le stampanti presenti in casa e in ufficio.
Lo strumento funziona su qualsiasi dispositivo, computer e smartphone, collegato alla rete.

Alcune stampanti, come le stampanti HP ePrint, sono già pronte per l’utilizzo del servizio.
Si tratta di stampanti che si collegano direttamente a  Internet e che non richiedono l’utilizzo di un computer per la configurazione.
Se si dispone di una stampante di questo tipo, basta collegare il dispositivo al proprio account Google Cloud Print per utilizzare la funzionalità.

In questa pagina troviamo una lista di stampanti che supportano il servizio con le relative informazioni su come eseguire la configurazione.

Come Configurare una Stampante per Google Cloud Print

In questa guida spieghiamo però come utilizzare qualsiasi stampante collegata al computer per stampare tramite Internet.
Vediamo quindi cosa bisogna fare.

Come prima cosa, sul computer a cui è collegata la stampante che si vuole condividere, bisogna aprire Google Chrome e effettuare l’accesso con il proprio account Google.
Una volta che il browser è stato aperto, bisogna cliccare sul pulsante menu, presente in alto a destra vicino alla barra degli indirizzi, e selezionare Impostazioni.

Viene in questo modo aperta la pagina delle impostazioni di Google Chrome.
Bisogna quindi cliccare su Mostra impostazioni avanzate, nella parte bassa della pagina.

impostazioni avanzateA questo punto è possibile visualizzare la sezione Google Cloud Print nella pagina delle opzioni.
In questa sezione è presente il pulsante Gestisci, che deve essere cliccato.

stampa da remoto onlineViene aperta la pagina Dispositivi.
Per aggiungere a Google Cloud Print la stampante collegata al computer bisogna quindi premere il pulsante Aggiungi stampanti.

stampare tramite internet onlineViene in questo modo aperta una nuova pagina in cui sono mostrate tutte le stampanti collegate al Pc individuate.
A questo punto basta selezionare la stampante che si vuole condividere e cliccare il pulsante Add printer.
stampantiIl sito mostra un messaggio con la conferma dell’aggiunta della stampante.
Nella stessa pagina troviamo il link Manage your printers da utilizzare per la gestione.

google cloud print onlineCliccando il link si accede alla pagina di Google Cloud Print in cui sono mostrate le stampanti configurate.
Per condividere la stampante aggiunta in modo che possa essere utilizzata anche da altri utenti, bisogna selezionarla e cliccare il pulsante Share.

stampante remotaIn questo modo viene aperta la finestra in cui è possibile inserire l’indirizzo mail dell’utente che si desideri abbia l’accesso alla stampante remota. Ovviamente se si vuole utilizzare la stampante da un altro computer, ma con lo stesso account Google, questa operazione non è necessaria.

condividere stampanteA questo punto, l’utente con cui è stata condivisa la stampante, accedendo all’indirizzo http://www.google.com/cloudprint da un altro computer, troverà un messaggio che lo avvisa della condivisione.
Dopo averlo accettato, la stampante sarà mostrata tra quelle disponibile nel servizio.
Ovviamente accedendo da un altro computer con lo stesso account utilizzato per la configurazione, la stampante è già disponibile nella lista.

stampa internet
Per utilizzarla basta cliccare il pulsante Stampa, in alto a sinistra, e selezionare il file da stampare dal computer.
Il file scelto sarà quindi stampato sulla stampante remota.

stampare

Per fare in modo che la procedura funzioni, il computer collegato alla stampante deve essere acceso e collegato a Internet.

Conclusioni

La configurazione e l’utilizzo di Google Cloud Print per stampare da remoto tramite Internet è molto semplice.

Da segnalare che, oltre che tramite Google Chrome, la stampa può essere effettuata attraverso alcune applicazioni che supportano la funzionalità.
Una lista di queste applicazioni, per computer e per smartphone Android e iPhone, è disponibile in questa pagina.

cloud printerPer Windows troviamo Google Cloud Printer, programma che permette di stampare su stampanti cloud da qualsiasi programma.
Installando l’applicazione, tra le stampanti presenti sul computer viene aggiunto un nuovo dispositivo chiamato Google Cloud Printer.

Una volta fatto questo, è possibile aprire qualsiasi programma, selezionare la funzionalità stampa e inviare il documento alla nuova stampante.
Il documento sarà in questo modo stampato tramite la stampante disponibile nel servizio.

Migliori Editor di Testo – Alternative a Blocco Note

Un editor di testo è un programma che permette la scrittura di testi.

Gli editor di testo sono di vario tipo, troviamo quelli che permettono di scrivere testo senza formattazione, come Blocco Note, che è incluso in Windows, e quelli più complessi, i programmi come Word che offrono la possibilità di formattare, inserire immagini e molte altre funzionalità.

modificare testoIn questa guida parliamo delle applicazioni che fanno parte della prima categoria, proponiamo quindi le migliori alternative a Blocco Note, o Notepad, disponibili in rete.

I text editor sono utilizzati in varie situazioni.
Tutti abbiamo usato almeno una volta Notepad per prendere appunti, scrivere codice, modificare file HTML o salvare delle informazioni.
Ogni sistema operativo include un’applicazione di questo tipo, sono però disponibili alternative gratis con molte più opzioni e funzionalità.

Migliori Editor di Testo

Tra i programmi di questo tipo più interessanti troviamo sicuramente Notepad++, uno dei più utilizzati dai programmatori.
La caratteristica principale è infatti il supporto per tutti i principali linguaggi di programmazione, come HTML, C, C#, C++, HTML, PHP, CSS, Java, JavaScript, ASP, SQL, VB/VBS, Python, Perl, Ruby, Assembler e Pascal, con un sistema automatico per la colorazione della sintassi.
L’applicazione si caratterizza per un’interfaccia a schede tradotta in italiano.
Le funzionalità sono numerose, troviamo un sistema per il completamento automatico della sintassi, uno strumento per confrontare due file nella stessa finestra e visualizzare le differenze, uno strumento per registrare e eseguire macro in modo da velocizzare le operazioni ripetitive e il supporto per l’utilizzo delle espressioni regolari.
I plugin, oltre a quello per il confronto dei file di cui abbiamo parlato prima, sono numerosi e permettono di estendere ulteriormente le funzionalità di questa applicazione.
Da segnalare sono poi le numerose opzioni per la visualizzazione dei documenti, come lo zoom, e per la ricerca.
Trovare e modificare testo in più file risulta essere infatti molto semplice.
Per chi cerca un text editor completo, Notepad++ è sicuramente la soluzione giusta.
Il programma è gratis e funziona con tutte le versioni di Windows, comprese quelle più recenti, come Winodws 7 e Windows 8.

editor di testo gratis

EditPad Lite è un altro editor di testo leggero e potente che può essere utilizzato per modificare qualsiasi file di testo.
L’interfaccia anche in questo caso è basata su schede, è quindi possibile aprire più file nella stessa finestra e passare da uno all’altro in modo veloce.
L’utilizzo è semplice, anche se non è disponibile in italiano.
Tra le funzionalità segnaliamo la possibilità di annullare e ripetere le operazioni in modo illimitato, opzioni per spostarsi in modo immediato alla riga specificata e la formattazione automatica del codice sorgente.
Troviamo poi opzioni avanzate per cercare e sostituire testo nei file e il supporto per le espressioni regolari.
L’applicazione, a differenza di Notepad, non ha problemi nella gestione di file di grandi dimensioni.
Il programma è gratis per uso personale, funziona con tutte le versioni di Windows e risulta essere disponibile anche in una versione che non richiede l’installazione, da utilizzare tramite una chiavetta USB.
Confrontato con l’applicazione segnalata in precedenza, EditPad Lite presenta un’interfaccia più semplice da utilizzare, ma un numero minore di funzionalità avanzate.

text editor

Sublime Text è un altro editor di testo particolarmente consigliato ai programmatori.
Dopo l’avvio ci si trova davanti a una finestra piuttosto semplice, in alto sono presenti i vari menu e al centro l’editor, le funzionalità e le opzioni disponibili sono però molte.
L’interfaccia è a schede, nella stessa finestra è possibile quindi aprire più documenti da modificare contemporaneamente, e può essere personalizzata in modo completo, scegliendo i colori da utilizzare.
Tra le caratteristiche più interessanti segnaliamo la presenza di numerose combinazioni di tasti, tramite cui è possibile eseguire tutte le operazioni senza utilizzare il mouse.
Troviamo poi la possibilità di registrare e eseguire macro, in modo da velocizzare le operazioni ripetitive.
Numerose sono anche le operazioni che è possibile eseguire sul testo, come convertire da maiuscolo a minuscolo e da minuscolo a maiuscolo, ordinare le righe in modo alfabetico e cercare e sostituire con le espressioni regolari.
Risulta essere poi disponibile un sistema di plugin tramite cui è possibile estendere le funzionalità dell’applicazione. In particolare è possibile abilitare la colorazione automatica del codice per tutti i principali linguaggi di programmazione.
Il programma è disponibile per Windows, Mac e Linux.
Da segnalare che viene distribuito gratis per la valutazione ma che è previsto l’acquisto di una licenza per uso continuativo. Non vengono però imposti limiti relativamente al tempo per cui può essere utilizzato gratis.

sublime text

Molto interessante è anche jEdit, editor di testo sviluppato in Java, che può quindi essere utilizzato su Windows, Mac e Linux.
Le opzioni a cui è possibile accedere tramite i menu sono numerose, l’utilizzo può quindi sembrare complesso per gli utenti meno esperti all’inizio.
In effetti si tratta di uno strumento dedicato in modo particolare agli sviluppatori, riconosce oltre cento linguaggi di programmazione, evidenziando la sintassi durante la scrittura del codice.
Le funzionalità sono molte, è possibile aprire più file all’interno della stessa finestra utilizzando diverse schede, troviamo uno strumento per registrare e eseguire macro, è supportato l’utilizzo delle espressioni regolari per la ricerca e la sostituzione del testo e risulta essere possibile personalizzare le combinazioni di tasti da utilizzare.
Troviamo poi un sistema di plugin tramite cui è possibile aggiungere ulteriori funzionalità, per esempio è possibile aggiungere la possibilità di modificare e salvare file tramite FTP.
Numerose sono poi le opzioni tramite cui è possibile personalizzare il modo in cui viene visualizzato il testo nel programma.

jedit

Notepad2 presenta un’interfaccia simile a quella di Blocco Note, le funzionalità sono però molto più avanzate.
Si tratta di un’applicazione molto leggera e veloce, che può essere utilizzata senza problemi su qualsiasi computer.
Supporta la colorazione automatica della sintassi per molti linguaggi di programmazioni, come  ASP, Assembly, C, C++, C#, CSS, HTML, Java, JavaScript, NSIS, Pascal, Perl, PHP, Python, SQL, Visual Basic, VBScript, XHTML e XML.
Tra le funzionalità segnaliamo l’indentazione automatica, la conversione di codifica tra i formati ASCII, UTF-8, e UTF-16, la possibilità di ripetere e annullare le operazioni più volte e il supporto delle espressioni regolari per effettuare la ricerca e la sostituzione del testo.
I limiti sono che non è disponibile in italiano e che, a differenza delle applicazioni segnalate in precedenza, non permette di modificare più documenti contemporaneamente.
Il programma è gratis, disponibile per Windows e non necessita dell’installazione.

alternative a blocco note

Molto conosciuto è Vim, una versione migliorata di Vi disponibile per Windows, Linux e Mac.
Si tratta di un programma avanzato, molto utile per i programmatori, con il supporto per la colorazione automatica del codice disponibile per numerosi linguaggi di programmazioni.
Tra le funzionalità troviamo il completamento automatico dei comandi, la cronologia dei comandi e delle ricerche a cui è possibile accedere in modo veloce, il supporto per la creazione di macro e la possibilità di salvare e recuperare le sessioni.
Numerose solo le opzioni per intervenire sul testo, è possibile copiare, cancellare, sostituire, spostare a destra o sinistra e passare da minuscolo a maiuscolo.
Da segnalare poi la presenza di un linguaggio di script integrato con cui è possibile estendere le funzionalità.
L’utilizzo può sembrare complesso all’inizio, le numerose possibilità di personalizzazione lo rendono però uno strumento adatto a tutti.

vim editor

TED Notepad è un altro programma per modificare file di testo che ha nella leggerezza la sua caratteristica principale.
Si tratta infatti di un’applicazione dalle dimensioni molto ridotte e che non richiede l’installazione, particolarmente adatta per essere utilizzata tramite una chiavetta USB.
L’interfaccia è praticamente uguale a quella di blocco note, accedendo ai menu è però possibile trovare molte opzioni in più.
Tra le funzionalità troviamo l’annullamento multiplo delle operazioni eseguite, il supporto per l’utilizzo delle espressioni regolari per cercare e sostituire il testo e la possibilità di accedere velocemente ai file inseriti tra i preferiti.
Numerose sono poi le opzioni per la gestione del testo, è possibile ordinare le righe, trasformare i caratteri da maiuscolo a minuscolo e da minuscolo a maiuscolo e visualizzare diverse statistiche.

editor testo

ConTEXT è un programma gratis disponibile per Windows anche in italiano.
L’interfaccia è divisa in tre parti.
Nella parte sinistra sono disponibili tre schede tramite cui è possibile accedere in modo veloce ai file presenti sul computer, gestire i preferiti e visualizzare la cronologia.
Nella parte destra sono mostrati i file aperti, divisi in varie schede. Il programma permette infatti di aprire un numero illimitato di file, anche di grandi dimensioni, in contemporanea.
In basso troviamo invece i risultati delle ricerche effettuate.
Si tratta di un’applicazione che può essere utilizzata per programmare, supporta infatti la colorazione del codice per i principali linguaggi di programmazione e permette di gestire i progetti in modo semplice.
Tra le funzionalità segnaliamo la possibilità di confrontare i file, il supporto per la registrazione e l’utilizzo delle marco, opzioni per la creazione di modelli e per configurare le combinazioni di tasti.
Troviamo poi molte opzioni per la gestione del testo, come la conversione da maiuscolo a minuscolo e da minuscolo a maiuscolo.

context

ATPad è un’altra soluzione interessante per chi cerca un’alternativa a Notepad, un programma semplice e veloce ma con alcune funzionalità in più.
Il software presenta un’interfaccia a schede, utile per lavorare con più file contemporaneamente, che può essere personalizzata impostando i caratteri e i colori.
Tra le funzionalità segnaliamo la possibilità di salvare le sessioni, in modo da riaprire velocemente tutti i file su cui si stava lavorando prima della chiusura del programma, la visualizzazione dei numeri delle righe e la possibilità di eseguire illimitati annullamenti e ripetizioni delle operazioni.
Non è uno strumento avanzato come Notepad++ o Sublime Text, è però un programma molto leggero, che può essere utilizzato da tutti senza problemi.
Il programma è disponibile per Windows e sul sito è presente anche una versione che non richiede l’installazione.

atpadTextPad è un editor di testo gratis disponibile in italiano per Windows.
Anche in questo caso si tratta di un’applicazione semplice da utilizzare, con un’interfaccia a schede che permette di visualizzare più documenti in contemporanea.
Inoltre, nella finestra principale, troviamo una sezione per esplorare i documenti e una con i risultati delle ricerche effettuate.
Tra le caratteristiche troviamo la presenza di uno strumento per eseguire il confronto tra due file e la possibilità di creare macro.
Tra le funzionalità segnaliamo la possibilità di eseguire selezioni per colonna e di indentare il codice in modo automatico.
Si tratta quindi di uno strumento piuttosto completo.

textpad

NoteTab Light è un altro text editor che permette di aprire e gestire anche file di grandi dimensioni.
L’interfaccia è a schede, permette quindi di visualizzare più documenti in contemporanea, e include una barra degli strumenti che può essere configurata nel modo preferito.
Il software permette di creare modelli di documenti, inserire segnalibri e eseguire la ricerca e la sostituzione del testo utilizzando le espressioni regolari.
Può essere anche utilizzato per lo sviluppo in HTML, supporta infatti l’autocompletamento del codice e permette di gestire i progetti.
Il programma è disponibile anche in una versione a pagamento, con diverse funzionalità aggiuntive.

notetab light

AkelPad è gratis e risulta essere disponibile per Windows.
L’interfaccia che viene visualizzata quando si avvia il programma è uguale a quella di Notepad, accedendo ai menu è possibile trovare però le differenze.
Il programma mette infatti a disposizione numerose funzionalità aggiuntive come la possibilità di utilizzare le espressioni regolari per trovare e sostituire il testo.
Sono inoltre disponibili diversi plugin con cui attivare caratteristiche come code folding, sintax highlighting, autocompletamento e macro.
In definitiva possiamo dire che si tratta di un sostituto di Blocco Note semplice da utilizzare.

akelpad

Conclusioni

In rete troviamo un numero particolarmente elevato do text editor. Programmi generici, semplici alternative a Notepad e strumenti avanzati per programmatori, sono disponibili soluzioni adatte a tutte le esigenze.
Personalmente continuo a utilizzare Notepad++ come editor di testo. Le numerose opzioni disponibili possono farlo sembrare troppo complicato per gli utenti meno esperti, in verità l’utilizzo è molto semplice per tutti.
Bisogna però dire che le alternative non mancano, in particolare Sublime Text rappresenta una soluzione molto interessante e sicuramente da valutare con attenzione, particolarmente se si utilizza un editor di testo per programmare.

Impossibile Formattare Scheda SD o MicroSD – Come Risolvere il Problema

In questa guida spieghiamo cosa fare quando risulta essere impossibile formattare una scheda SD o Micro SD.

Cosa Sono le Schede SD

SD, Secure Digital, è il formato più diffuso per quanto riguarda le schede di memoria.
Le schede di memoria sono dispositivi che vengono usati per archiviare dati in formato digitale all’interno di memorie flash.

Le schede SD hanno memorie NAND e sono disponibili in tre diversi formati.
Il formato originario, con dimensioni 32 x 24 x 2,1 mm, MiniSD, 21,5 x 20 x 1,4 mm, e MicroSD, 11 x 15 x 1 mm.

Le memorie SD sono ormai diffuse, vengono utilizzate in macchine fotografiche digitali, smartphone e Pc.
La diffusione ha come conseguenza il fatto che vengono spesso rimosse, per spostarle da un dispositivo all’altro, e la rimozione viene frequentemente eseguita in modo non sicuro, magari mentre un’operazione di scrittura è ancora in corso.

Con il tempo le schede SD possono quindi danneggiarsi dal punto di vista della struttura logica, portando a problemi come l’impossibilità di eseguire la formattazione.

Riparare una Scheda SD Impossibile da Formattare

A molti sarà capitato di inserire la scheda SD nel computer, eseguire la normale procedura di formattazione tramite Gestione Disco e vedere l’errore Impossibile Completare la Formattazione comparire.
In situazioni di questo tipo, l’utilizzo di programmi per formattare non aiuta.

La soluzione è rappresentata da SDFormatter.

SDFormatter è un programma gratis, disponibile per Windows e Mac, che è stato sviluppato appositamente per le schede di memoria che utilizzano gli standard SD, SDHC e SDXC.
In effetti la formattazione delle schede SD dovrebbe essere sempre fatta tramite questa applicazione.
Come spiegato sul sito Sdcard.org, associazione che si occupa dello sviluppo del programma, le schede SD hanno un’area protetta per le funzionalità di sicurezza.
Utilizzando SD Formatter questa area non viene formattata, a differenza di quanto succede se si usa Gestione Disco di Windows.

La formattazione tramite il sistema operativo o programmi generici può avere come conseguenza un peggioramento delle prestazioni della propria scheda SD.

Vediamo più nel dettaglio come funziona SDFormatter e come utilizzare il programma.
Come prima cosa bisogna eseguire il download dal sito ufficiale e completare l’installazione.
Una volta effettuata l’installazione, è possibile avviare il software.

impossibile formattare scheda sdLa finestra mostrata sarà simile a quella presente nell’immagine.
La prima cosa da fare è scegliere l’unità che contiene la scheda SD , MiniSD o MicroSD che si vuole formattare utilizzando il menu mostrato vicino a Drive.
La lettera assegnata all’unità cambia a seconda della configurazione del computer, bisogna quindi verificare con attenzione di scegliere quella giusta.
Nel momento in cui si scegliere l’unità, la dimensione della scheda SD viene mostrata in Size, sotto al menu per la scelta.
Da notare che la dimensione mostrata sarà minore, in questo caso viene mostrato 3,68 GB per una scheda da 4 GB.

Una volta selezionata la scheda SD, MiniSD o MicroSD che risulta impossibile da formattare, bisogna cliccare il pulsante Option.
Viene in questo modo aperta una finestra in cui sono presenti le opzioni per la formattazione.

impossibile formattare scheda micro sd

Format Type
Quick – Esegue una formattazione veloce inizializzando solo i parametri del file system.
Full Erase – Esegue una formattazione completa. Viene eliminata la struttura delle directory e sono cancellati i file contenuti. Richiede più tempo per essere completata rispetto all’opzione precedente.
Full OverWrite – Esegue una formattazione completa. Viene cancellata la struttura delle directory e sono eliminati i file. La cancellazione viene eseguita in questo caso sovrascrivendo tutti la memoria. A differenza dell’opzione precedente, i file non sono più recuperabili dopo la formattazione.

Normalmente l’opzione da utilizzare è Full Overwrite, in questo modo la scheda SD viene formattata senza lasciare dati vecchi sulla memoria.

Format Size Adjustment
Off – Mantiene la capacità della memoria.
On – Aumenta la dimensione dei cluster diminuendo la capacità della memoria.

L’opzione da utilizzare è Off.

Una volta impostate le opzioni, è possibile cliccare il pulsante Ok per tornare alla finestra del programma.

A questo punto è possibile cliccare il pulsante Format per avviare la formattazione della scheda di memoria SD.
Prima di eseguire l’operazione è però importante verificare che sia stata tolta la protezione di scrittura della scheda SD.

Durante la formattazione viene mostrata una finestra con lo stato dell’operazione e con l’avviso di non rimuovere la scheda dal computer.
La procedura risulta essere piuttosto veloce, nel caso di memorie molto grandi può però durare anche qualche minuto.

formattare sd

Al termine compare una nuova finestra, con informazioni sul risultato dell’operazione.

formattazione sd

Conclusioni

SDFormatter è un programma molto semplice, utile per risolvere i problemi relativi all’impossibilità di formattare una scheda SD quando questa presenti danni dal punto di vista della struttura logica.
L’applicazione non può ovviamente riparare danni fisici del dispositivo, in questi casi la formattazione risulterà impossibile anche utilizzando questo strumento.