Migliori Programmi per Convertire Video

I video sono disponibili in numerosi formati, a tutti è capitato di trovare file AVI, MOV, FLV, e MKV.
Questo non sarebbe un problema se ogni applicazione e ogni dispositivo potesse gestire qualsiasi formato, ma non è così.

Non è quindi strano avere un video che funziona perfettamente sul proprio computer ma che non è visibile o che risulta essere senza audio sullo smartphone.
La soluzione è rappresentata dai programmi per convertire video, strumenti che permettono di trasformare i video nel formato desiderato.

I convertitori video, in quasi tutti i casi, hanno lo stesso funzionamento.
L’utente deve scegliere il file da trasformare, impostare le opzioni per la conversione e selezionare la cartella in cui salvare il nuovo file.
Le caratteristiche dei programmi possono però essere molto diverse, alcuni si caratterizzano per la velocità e la qualità della conversione, altri hanno invece nella semplicità l’elemento migliore.

Il numero di programmi per convertire video è in continua crescita.
L’enorme possibilità di scelta può confondere, proponiamo quindi una lista dei migliori strumenti di questo tipo disponibili in questo momento.

Migliori Programmi per Convertire Video

Format Factory è un programma gratis, disponibile per Windows, che permette di effettuare la conversione di file video, audio e immagini.
Per quanto riguarda i video, è possibile trasformare qualsiasi file in MP4, AVI, 3GP, RMVB, WMV, MKV, MPG, VOB, MOV, FLV e SWF.
Si tratta di uno strumento molto semplice da utilizzare, sono infatti disponibili impostazioni predefinite che possono essere utilizzate per convertire i video nel formato migliore per il dispositivo scelto, come smartphone.
L’interfaccia, tradotta in italiano, si caratterizza per la presenza, nella parte sinistra della finestra, dell’elenco dei tipi di file in cui è possibile effettuare la conversione.
Basta quindi scegliere il tipo di file dall’elenco per ottenere le impostazioni migliori per l’operazione di conversione. Ovviamente gli utenti più esperti possono intervenire manualmente sui parametri, in modo da ottenere la qualità audio e video desiderata.
Il programma non è però solo semplice, offre infatti anche opzioni avanzate per chi vuole avere un maggiore controllo sulla conversione.
Per esempio, quando si crea un video MP4, è possibile scegliere il codec, DivX, XviD o H264, la risoluzione video, il frame rate, il codec audio e il volume.
Tra le altre funzionalità segnaliamo la possibilità di riparare file multimediali danneggiati, estrarre l’audio dai video, inserire sottotitoli e watermark.
Le prestazioni, nei nostri test, sono state abbastanza buone, particolarmente nella conversione di video in MP4 e WMV.

programmi per convertire videoFreemake Free Video Converter è un altro convertitore video gratis che ha nella semplicità una delle sue caratteristiche migliori.
Il programma supporta oltre duecento formati video come input, tra i quali AVI, MP4, MKV, WMV, MPG, 3GP, 3G2, SWF, FLV, TOD, AVCHD, MOV, DV, RM, QT, TS e MTS, e permette di convertirli in AVI, MP4, MKV, FLV, 3GP, MP3 e HTML5.
Anche in questo caso troviamo la possibilità di convertire i video per determinati dispositivi, come smartphone e tablet, utilizzando le impostazioni predefinite messe a disposizione.
Basta caricare il video da convertire, scegliere il dispositivo su cui dovrà essere aperto e avviare la conversione.
Risulta essere inoltre possibile creare delle impostazioni personalizzate, da utilizzare per le proprie conversioni, scegliendo opzioni come bitrate e codec.
Molto interessante risulta essere l’editor video incluso, con cui è possibile fare piccole modifiche come unire e tagliare i video.
Tra le altre funzionalità segnaliamo la possibilità di caricare direttamente su YouTube i video e di estrarre l’audio.
Consigliamo di fare attenzione alla fase di installazione in cui viene proposta l’aggiunta di applicazioni aggiuntive.
Il programma è disponibile per Windows e risulta essere tradotto in italiano.

convertitori videoHandbrake è uno dei programmi di questo tipo più conosciuti.
Si tratta di un’applicazione disponibile per Windows, Mac e Linux che può essere utilizzata da linea di comando o tramite un’interfaccia grafica.
Il programma è gratis e risulta essere piuttosto semplice da utilizzare. Nella parte alta troviamo sei pulsanti, tramite cui è possibile accedere alle funzionalità base come l’apertura dei file e l’avvio delle operazioni.
Al di sotto di questi pulsanti troviamo le opzioni Source e Destination, che permette di scegliere dove deve essere salvato e come deve essere chiamato il file ottenuto dalla conversione.
Nella parte centrale della finestra è poi presente la sezione Output settings, quella più importante. Contiene infatti le opzioni tramite cui è possibile impostare la qualità audio e video del file che si vuole ottenere.
Tra le opzioni risulta essere molto interessante quella che permette di calcolare il bitrate da impostare per ottenere un file della dimensione specificata.
Tra le altre funzionalità segnaliamo la possibilità di utilizzare profili predefiniti per la conversione, non mancano comunque opzioni avanzate tramite cui gli utenti più esperti possono controllare in modo dettagliato il processo di conversione. Sono poi disponibili alcuni filtri per pulire i video, come Detelecine, Decomb, Deinterlace, Denoise, Deblock, e risulta essere possibile aggiungere i sottotitoli.
Il programma supporta un numero di formati limitati come output, è infatti possibile convertire video in Mp4 e Mkv. Nonostante il numero ridotto di formati supportati come output, le prestazioni non sono state troppo elevate.

convertire videoMolto interessante è anche XMedia Recode, programma che permette di convertire audio e video.
L’interfaccia non è molto curata ma le opzioni e le funzionalità messe a disposizione sono numerose.
I formati video sono molti e includono 3GP, 3GPP, 3GPP2, AAC, AC3, AIFF, AMR, ASF, AU, AVI, DIVX, DTS, DVR-MS, FLV,H.261, H.263, H.264, M4A, M1V, M2V, M4V, MKV, MMF, MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4, TS, MP2, MP3, MP4, MP4V, MOV, PSP, VCD, SWF, VOB, WAV, WMA e WMV.
Troviamo profili predefiniti che possono essere utilizzati per convertire velocemente i video nel formato migliore per determinati dispositivi, come specifici modelli di smartphone.
Tra le altre caratteristiche segnaliamo il supporto per tracce audio esterne e sottotitoli, la possibilità di convertire più file contemporaneamente, la presenza di una calcolatrice bitrate tramite cui trovare il bitrate giusto per ottenere un file di una determinata dimensione e un editor per tagliare e migliorare i video.
Da notare che il programma si avvia in tedesco, per utilizzarlo in italiano è necessario accedere al menu Optionen e selezionare Sprache. Viene in questo modo aperta una finestra in cui scegliere la lingua.

convertitore video

Any Video Converter è un programma disponibile per Windows e Mac che permette di convertire video.
I formati supportati sono numerosi e includono DivX, XviD, MOV, rm, rmvb, MPEG, VOB, DVD, WMV, AVI, FLV, MP4 e MKV
Anche in questo caso sono disponibili impostazioni predefinite per convertire i video per dispositivi mobili, come iPad, iPod, Xbox, Amazon Kindle Fire e smartphone Android.
Ovviamente le impostazioni possono essere modificate manualmente, in modo da ottenere video con la qualità e la dimensione di cui si ha bisogno.
La semplicità è sicuramente la caratteristica migliore di questo strumento, basta trascinare il file da convertire, selezionare il formato di output che si vuole tra quelli messi a disposizione e cliccare il pulsante Convert Now.
Troviamo anche diverse funzionalità aggiuntive come la masterizzazione, la modifica dei video e la possibilità di scaricare video dalla rete.
Tra le caratteristiche più interessanti segnaliamo il supporto HTML5 e la possibilità di eseguire la conversione di più file in contemporanea.
Bisogna però dire che nei nostri test le prestazioni non sono state molto elevate, in effetti il programma è risultato piuttosto lento nella conversione.
Da segnalare inoltre che il controllo sulla conversione è limitato, gli utenti più esperti potrebbero quindi preferire soluzioni di tipo diverso.

programmi per conversione video

SUPER è un altro software per convertire video molto conosciuto.
Permette di importare tutti i formati video più diffusi e di convertirli in 3GP, 3G2, AMV, ASF, DAT, DVR-MS, FLI, FLC, FLV, M2TS, MOV, MKV, MOV, M4V, CNA, OGM, QT, RM, STR, SWF, TS, TRP, TY, TMF, VIV, VOB, WMV, AVI e MP4.
Si tratta di uno dei convertitori più completi, permette di definire in modo preciso la qualità dei video che vengono creati tramite parametri come encoder, dimensione, formato, bitrate, frame al secondo e frequenza audio.
Sono disponibili anche diverse impostazioni predefinite, tramite cui convertire i video per determinati dispositivi in modo veloce.
Tra le funzionalità aggiuntive segnaliamo la possibilità di catturare i flussi multimediali in streaming online e di effettuare la conversione di più file in contemporanea.
Il limite è da individuare in un’interfaccia complessa, in cui le opzioni sono numerose, che può risultare difficile da utilizzare per gli utenti meno esperti, e in prestazioni non particolarmente elevate. Nei nostri test è infatti stato uno dei programmi più lenti nell’eseguire la conversione di un video da Mov a Mp4.
Il programma è gratis e risulta essere disponibile per Windows.

convertire video gratis online

Molto semplice da utilizzare è Hamster Free Video Converter, programma gratis disponibile anche in italiano.
La conversione dei video può essere eseguita tramite una procedura guidata piuttosto veloce, bisogna scegliere il formato che si vuole ottenere, impostare la qualità, selezionare la cartella in cui salvare il nuovo file e avviare l’operazione.
L’applicazione supporta tutti i principali formati video, come AVI, WMV, DIVX, XVID, VOB, DV, DIF, MOV, MPG, MPEG, MPE, M1V, M2V, MPV, MPEG4, M4V, MP4, ASF, AVS, IVF, MKV, 3GP, 3G2, H261, H264, MOD, NSV, NUV, NUT, FLI, FLC, FLX, FLV, FFM, SWF, MTS, M2TS e RMVB..
Anche in questo caso troviamo impostazioni predefinite per effettuare la conversione dei video per determinati dispositivi, basta quindi scegliere il dispositivo su cui si vuole visualizzare il video e il programma convertirà il file nel formato migliore.
Il limite è da individuare nel numero limitato di opzioni, il controllo sulla qualità dei video ottenuti con la conversione è quindi minore rispetto a quello che è possibile avere con altri programmi.

programmi per convertire video gratis

MPEG Streamclip è un lettore multimediale, video editor e convertitore video disponibile Windows e Mac.
Si tratta quindi di uno strumento completo, ottimo per trasformare i video in un formato diverso ma anche per organizzarli sul proprio computer.
I formati video supportati sono numerosi, troviamo tutti i più conosciuti, permette di convertire i video da MPEG, MPG, VOB, PS, M2P, MOD, VRO, DAT, DCM, VDR, PVR, TS, M2T, MTS, MMV, REC, VID, AUD, AVR, TP, TP0, TRP, TOD a MPEG, TS, REC, VID, M2V, AIFF, MPA, AC3 senza perdita di qualità e di esportare da MOV, DV, AVI, DIVX, MP4, WMV, FLV, MPEG, MPG, VOB, PS, M2P, MOD, VRO, DAT, DCM, VDR, PVR, TS, M2T, MTS, MMV, REC, VID, AUD, AVR, TP, TP0, TRP, M2V a MOV, DV, AVI, DIVX, MP4.
Tra le altre funzionalità troviamo la possibilità di scaricare video dalla rete e di modificarli, tagliando e incollando parti.
Il programma non è aggiornato da diverso tempo, l’interfaccia non è quindi molto moderna, e per funzionare richiede la presenza di QuickTime sul computer.

come convertire video gratisFree Studio include diversi strumenti gratis per la gestione dei video, troviamo infatti programmi per scaricare, masterizzare, modificare e convertire video.
L’interfaccia grafica tenta di integrare tutti questi strumenti, è comunque necessario tempo per trovare quello di cui si ha bisogno.
Le funzionalità di conversione sono infatti divise tra diversi programmi e quindi l’interfaccia può risultare non troppo semplice da utilizzare.
La procedura da seguire per la conversione è simile a quella che troviamo nelle altre applicazioni, bisogna importare il file, selezionare il formato di output o il dispositivo per cui convertire il video e cliccare un pulsante per avviare l’operazione.
Nel caso in cui non sia presente un profilo predefinito per la conversione che si vuole effettuare, è possibile crearne uno da aggiungere alla lista. Le opzioni sono però abbastanza limitate, è possibile scegliere frame rate, bitrate, risoluzione, sample rate auto e numero di canali audio.
Per quanto riguarda le prestazioni, nei nostri test i risultati sono stati abbastanza variabili. Il programma si è dimostrato veloce nella conversione dei file MP4 ma molto meno con altri formati.

software per convertire videoKoyotesoft Free Video Converter è un’altra soluzione interessante.
L’utilizzo è molto semplice, risulta essere infatti possibile utilizzare la funzionalità drag and drop per importare i file.
Numerose sono le impostazioni predefinite disponibili, troviamo infatti configurazioni per i dispositivi più diffusi come iPhone e smartphone Android.
Le opzioni avanzate non sono invece molte, è possibile solo modificare le impostazioni base, come codec, risoluzione, frame rate e bit rate.
Le funzionalità di modifica dei video sono limitate, troviamo però uno strumento molto utile che permette di eliminare le parti che non interessano dall’inzio e dalla fine dei video.
Le prestazioni non sono eccezionali, nei nostri test l’applicazione è risultata particolarmente lenta nella conversione di video HD.

convertitori video gratis online

MediaCoder è il programma giusto per chi ha esigenze avanzate e vuole un controllo preciso sulla conversione dei video.
Oltre che importare tutti i principali formati, è possibile scaricare video in streaming, catturare video da dispositivi collegati al computer e leggere il contenuto di CD e DVD.
Le opzioni di modifica permettono poi di rimuovere parti dei video, modificare opzioni come luminosità e contrasto e applicare vari filtri per migliorare la qualità.
Per quanto riguarda le scelta del formato di output, il numero di impostazioni che troviamo è particolarmente grande.
Nonostante la complessità, l’utilizzo è possibile anche per utenti meno esperti. Troviamo infatti una procedura guidata che aiuta nella configurazione delle impostazioni più importanti. Ovviamente capire come utilizzare il programma al meglio richiede tempo.
Le prestazioni nei nostri test sono state ottime, una delle applicazioni più veloci nella conversione dei video.

converire file video gratisMiro Video Converter è uno dei convertitori video più semplici da utilizzare.
Basta trascinare il file da trasformare all’interno dell’interfaccia, scegliere una delle impostazioni predefinite e cliccare Convert.
Il programma supporta tutti i principali formati video come input e mette a disposizione impostazioni predefinite per i dispositivi più comuni.
La semplicità comporta anche alcuni limiti, l’applicazione non permette infatti di intervenire su impostazioni come la risoluzione e il frame rate.
Un altro limite è da individuare nel fatto che è possibile importare un solo file alla volta.
Le prestazioni sono buone, la conversione dei file video risulta essere infatti piuttosto veloce.
Il programma rappresenta quindi una soluzione per gli utenti meno esperti, che cercano qualcosa che sia semplice da utilizzare e che non hanno esigenze particolarmente avanzate.

come convertire un video

Conclusioni

Dire quale programma è il migliore convertitore video non è semplice, non esiste una soluzione che può essere ritenuta la migliore in tutti i casi.
Se si convertono raramente dei video e si vuole qualcosa di semplice e veloce, Mirco Video Converter può essere lo strumento giusto.
Chi ha esigenze maggiori e vuole controllare in modo dettagliato la conversione, può trovare l’applicazione giusta in MediaCoder, uno strumento più complesso ma molto potente.
Fateci sapere quali sono i vostri convertitori video preferiti.

Migliori Antispyware

Oggi propongo una lista dei migliori antispyware gratis disponibili in rete, programmi che permettono di eliminare spyware dal proprio computer.

Prima di vedere come rimuovere gli spyware con queste applicazioni, spieghiamo più nel dettaglio cosa sono gli spyware e quali danni possono causare.

Cosa Sono gli Spyware e Come Vengono Installati

Sono molte le persone che chiamano virus qualsiasi tipo di malware, questo non è però corretto dal punto di vista tecnico.
I virus sono infatti solo uno specifico tipo di malware, termine con cui si indica qualsiasi software che può essere dannoso per il computer.

Tra i malware più diffusi troviamo sicuramente gli spyware.
Gli spyware sono programmi che raccolgono dati dal computer senza che l’utente lo sappia.
I dati raccolti possono essere di vario tipo. Solitamente queste applicazioni raccolgono informazioni sulle attività eseguite online, come i siti visitati, e le utilizzano per mostrare pubblicità che potrebbe essere interessante per l’utente.

Gli spyware, a differenza dei virus e dei worm, richiedono l’intervento dell’utente per l’installazione.
Solitamente queste avviene tramite programmi gratis scaricati dalla rete.
Sono infatti piuttosto comuni programmi che prevedono, durante l’installazione, l’aggiunta di altre applicazioni.
Chi non controlla con attenzione le opzioni avanzate presenti nella procedura di installazione, rischi così di aggiungere spyware al proprio Pc.

spywareMolto diffuse sono in questo periodo le toolbar per browser.
Come è possibile vedere nell’immagine sopra, il programma propone nella fase di installazione l’aggiunta di My.Freeze.com Toolbar al proprio browser.
Troviamo la possibilità di rifiutare l’installazione del componente, ma, chi non è troppo attento, rischia di trovarsi con le impostazioni del browser modificate.

Numerosi sono gli spyware diffusi in questo modo, Iminent, Omiga Search, Sweet Page e Delta Search sono probabilmente tra i più conosciuti.
Applicazioni che modificano le impostazioni del browser, cambiando la pagina iniziale e il motore di ricerca utilizzato.

Quali Danni Causano gli Spyware

Gli spyware rappresentano un pericolo per la privacy dell’utente, raccolgono infatti informazioni dettagliate sulla navigazione in rete senza autorizzazione.
Queste informazioni sono poi utilizzate per l’invio di pubblicità, scelta in base ai dati raccolti, che può essere anche molto fastidiosa, come nel caso dei popup.

Nei casi più gravi, le informazioni raccolte includono dati come indirizzi mail e password.
I pericoli in questo caso sono evidenti.

Gli spyware non sono progettati per danneggiare il computer su cui sono installati, possono comunque avere un effetto negativo sulle prestazioni.
Bisogna infatti considerare che utilizzano la rete, per trasmettere i dati raccolti, e occupano memoria e CPU.
Non sono poi rari malfunzionamenti causati dall’installazione di spyware.

Migliori Antispyware

SUPERAntiSpyware è uno dei migliori programmi per eliminare spyware.
L’applicazione è disponibile in una versione gratis e in una a pagamento, risulta essere presente anche una versione che non richiede l’installazione e che può quindi essere archiviata su una chiavetta Usb.
Eseguire un controllo del computer è molto semplice, basta avviare il programma, cliccare Scan your Computer, selezionare l’unità da verificare e avviare l’operazione.
Oltre che dagli spyware, offre protezione da adware, rootkit, keylogger e hijacker.
Tra le funzionalità troviamo la programmazione delle scansioni, la disponibilità di aggiornamenti frequenti e la possibilità di ripristinare le impostazioni modificate dagli spyware, come la pagina iniziale del browser. Nella versione gratis non è invece presente la protezione in tempo reale.
L’applicazione è anche tradotta in italiano, anche se nella traduzione sono presenti alcuni errori.

migliori antispywareMolto conosciuto è anche Spybot.
Il programma presenta un’interfaccia semplice anche per gli utenti meno esperti, offre però anche numerose opzioni avanzate.
Dopo che la scansione è stata avviata, l’applicazione analizza i file temporanei e offre la possibilità di cancellarli.
Una volta fatto questo viene eseguita la scansione completa del sistema. La durata dell’operazione varia a seconda della dimensione dell’hard disk e delle prestazioni del Pc. Al termine vengono mostrati i problemi che è possibile correggere, oltre a spyware e adware sono individuati anche errori nel registro.
Nei nostri test i risultati sono stati buoni per quanto la rilevazioni di problemi come le toolbar dei browser, l’applicazione non ha invece individuato altri malware, come keylogger.
Tra le funzionalità segnaliamo Immunizza, che consente al programma un’integrazione con il browser per avvisare l’utente in caso di pericoli.
Tra le opzioni troviamo la possibilità di fare un backup del registro prima delle modifiche e aggiornamenti piuttosto frequenti.
antispyware gratisMalwarebytes Antimalware è un altro strumento utile per individuare e rimuovere malware dal computer.
In particolare offre la possibilità di cancellare worm, spyware, dialer e rootkit.
Anche in questo caso il programma è disponibile in una versione gratis e in una versione a pagamento e risulta essere tradotto in italiano.
Dopo che è stata effettuata l’installazione, al primo avvio, viene data la possibilità di eseguire l’aggiornamento e avviare una scansione, che può essere veloce o completa.
La capacità di rilevare i pericoli è molto buona, l’applicazione nei nostri test ha infatti individuato alcuni malware che non erano stati trovati dai programmi segnalati in precedenza.
Anche le prestazioni sono interessanti, la scansione completa risulta essere infatti piuttosto veloce.
Tra le funzionalità troviamo la possibilità di creare liste di esclusioni e l’integrazione con il menu contestuale di Windows, utile per controllare singoli file.
Tra i limiti bisogna segnalare che manca la protezione in tempo reale e non è possibile programmare la scansione.

come cancellare spyware gratis

AdwCleaner è un’altra soluzione interessante per chi vuole rimuovere spyware dal computer.
Si tratta di un’applicazione gratis, molto leggera e che non richiede l’installazione.
L’interfaccia è molto semplice, troviamo infatti pochi pulsanti tramite cui eseguire le varie operazioni.
Cliccando Scan possiamo quindi avviare un controllo del computer.
Al termine della scansione, i vari problemi individuati vengono mostrati divisi in schede, a seconda del tipo.
A questo punto è possibile selezionarli e cliccare il pulsante Clean per pulire il Pc.
Nei nostri test il programma si è dimostrato molto veloce e ha offerto ottimi risultati, specialmente nel rilevamento dei componenti aggiuntivi che modificano le impostazioni del browser.
Ovviamente non è un’alternativa all’antivirus, piuttosto va utilizzato come aggiunta.

antispywareSpyware Terminator è un altro programma antispyware per Windows.
Risulta essere disponibile in due versioni, una gratis e una a pagamento. La versione a pagamento include anche un antivirus.
Tra le caratteristiche più interessanti troviamo sicuramente la protezione in tempo reale, che ha lo scopo di impedire l’installazione di spyware sul Pc.
Gli aggiornamenti sono frequenti e questo permette all’applicazione di riconoscere anche i pericoli piè recenti.
Tra le altre funzionalità segnaliamo la possibilità di programmare la scansione e di effettuare il backup prima di intervenire con modifiche sul computer.
Il programma è disponibile anche in italiano.

rimozione spyware

ComboFix è sicuramente uno dei programmi per la rimozione di spyware più conosciuti.
Si tratta di uno strumento per Windows gratis e molto leggero, che è però consigliato solo agli utenti più esperti.
L’utilizzo in effetti è molto semplice, visto che il funzionamento è quasi automatico.
All’avvio il programma crea un punto di ripristino e inizia poi la scansione del Pc. L’operazione dura alcuni minuti e prevede la rimozione automatica dei malware individuati, senza l’intervento dell’utente.
Al termine il computer viene riavviato e risulta essere poi possibile visualizzare le informazioni dettagliate su come lo strumento è intervenuto.
Proprio il fatto di non richiedere la conferma dell’utente, di operare su file di sistema e di non avere un’interfaccia grafica sono i motivi per cui è consigliato solo ai più esperti.
Il programma è molto efficace, riesce a individuare e rimuovere malware non trovati da altri strumenti di questi tipo.

rimuovere spyware

SpywareBlaster presenta un funzionamento diverso da quello dei programmi segnalati in precedenza.
Lo scopo dell’applicazione non è quello di eliminare spyware presenti sul computer, ma quello di prevenire l’installazione di malware.
Il programma impedisce l’accesso ai siti considerati pericolosi, tramite una lista sempre aggiornata, e impedisce l’installazione di spyware che sfruttano le vulnerabilità presenti nei browser.
Si tratta quindi di uno strumento che può essere utilizzato con un antivirus per aumentare la sicurezza del proprio computer.
Se si ha la necessità di rimuovere spyware, bisogna però usare altri programmi.
programmi antispyeare

IObit Malware Fighter è un anti malware con caratteristiche piuttosto interessanti.
Il programma è disponibile in italiano e l’interfaccia risulta essere piuttosto semplice da utilizzare.
In alto sono presenti alcuni pulsanti, tra cui quello per eseguire l’aggiornamento, mentre nel menu di sinistra troviamo quattro sezioni, Panoramica, Scansione, Protezione e Cloud.
Cliccando su Panoramica è possibile ottenere informazioni sui file bloccati dall’applicazione.
In Scansione troviamo invece le opzioni per eseguire un controllo del Pc. In particolare sono disponibili tre diversi tipi di scansione, Rapida, Completa e Personalizzata.
La scheda Protezione permette di gestire la protezione in tempo reale del computer. Troviamo infatti opzioni per attivare e disattivare il controllo su vari elementi, come browser e file.
Molto interessante è anche la scheda Cloud, tramite cui è possibile caricare dei file da fare controllare al sistema disponibile in rete.
Anche in questo caso il programma è disponibile in una versione gratis e in una versione a pagamento, con alcune funzionalità aggiuntive.

anti malware

Conclusioni

Come abbiamo visto, gli antispyware sono numerosi.
Il consiglio però è quello di essere sempre attenti quando si naviga in rete.

Bisogna scaricare programmi solo da siti sicuri e bisogna essere molto attenti durante l’installazione, controllando le varie opzioni presenti.
Molto importante è anche utilizzare browser aggiornati, le versioni vecchie possono infatti contenere vulnerabilità che consentono l’installazione di spyware senza che l’utente lo desideri.

Migliori Programmi per Clonare l’Hard Disk e Creare l’Immagine del Disco

Oggi propongo una lista dei migliori programmi per clonare l’hard disk e creare immagini del disco.

La clonazione del disco e la creazione di un’immagine sono due soluzioni molto utili per preservare i propri dati.

Cosa Significa Clonare un Disco

La clonazione di un hard disk è il processo con cui si copia tutto quello che esiste su un disco, non solo i dati, ma anche la struttura, su un altro disco.
Con la clonazione si ottengono quindi due hard disk che contengono le stesse informazioni.

Cosa Significa Creare l’Immagine di un Disco

La creazione di un’immagine disco è l’operazione con cui ogni elemento di un hard disk viene copiato all’interno di un file.
Un’immagine del disco, Disk Image, è una copia dell’hard disk esistente che include tutto, dai file al file system.
A differenza di quanto succede copiando tutti i file su un DVD o un altro hard disk, l’immagine del disco è la perfetta copia del dispositivo.
Da segnalare che gli strumenti più moderni utilizzano la compressione e permettono di ridurre la dimensione dell’immagine disco.
Questo significa che è possibile ottenere la copia di un hard disk di 10 Gb in un file molto più piccolo.

Vantaggi di Clonazione e Creazione di Immagini Disco

Clonazione e creazione di un’immagine sono quindi due operazioni diverse, anche se con scopi e caratteristiche simili.
A questo punto bisogna capire quali sono i vantaggi dei due metodi e quale risulta essere quello adatto alle proprie esigenze.

Possiamo fare un esempio, ipotizzando che l’hard disk primario del computer che utilizziamo si danneggi.
In una situazione di questo tipo, se abbiamo clonato il disco, potremo semplicemente sostituire il supporto danneggiato con il clone.
Se invece abbiamo a disposizione l’immagine del disco, dovremo comprare un altro hard disk per sostituire quello danneggiato e successivamente installare l’immagine creata in precedenza.

In questo caso avere un clone dell’hard disk permette di risparmiare tempo.
Le immagini disco hanno però un vantaggio, è infatti possibile creare e archiviare più immagini disco senza la necessità di acquistare vari hard disk.

Programmi per Clonare l’Hard Disk e Creare Immagini del Disco

Clonzilla
Clonezilla è uno dei programmi per clonare l’hard disk e creare immagini disco più conosciuti, si tratta di uno strumento che può risultare complesso per gli utenti meno esperti e quindi dedichiamo più tempo per spiegare come utilizzarlo.
Risulta essere disponibile in due versioni, Clonezilla live è un Live CD adatto per eseguire il backup e il ripristino di singoli computer, mentre Clonezilla SE è destinato all’utilizzo aziendale, per clonare più computer in contemporanea.
Clonezilla salva e ripristina solo i blocchi dell’hard disk utilizzato, questo permette di aumentare l’efficienza e la velocità dell’operazione.
Trattandosi di un Live CD può essere utilizzato per clonare il computer indipendentemente dal sistema operativo presente, i file system supportati sono numerosi inclusi Ntfs, Fat32, ext2, ext3 e Hfs. Da segnalare inoltre che sono supportate sia le partizioni in formato MBR che GPT.

Vediamo più nel dettaglio come funziona.
-Come prima cosa bisogna scaricare l’immagine Iso di Clonzilla Live dal sito ufficiale.
-Fatto questo, è necessario masterizzare l’immagine su un CD.
-Completata l’operazione, è possibile riavviare il computer utilizzando il Cd.
-All’avvio viene mostrato il menu di Grub, conosciuto da chi ha utilizzato Linux.
Bisogna selezionare la prima opzione e premere Invio per avviare lo strumento.

programmi per clonare hard disk-Nella fase successiva è necessario scegliere la lingua e la tastiera da utilizzare.
-Una volta completata la configurazione, vengono mostrate due opzioni.
device-image permette di creare l’immagine del disco e di una partizione o di ripristinare sull’hard disk un’immagine creata in precedenza.
device-device permette di clonare il disco su un altro hard disk.

programmi per creare immagine disco-Nel caso in cui venga scelta l’opzione device-image, compare un nuovo menu in cui bisogna scegliere in che modo salvare l’immagine.
local_dev permette di archiviare il file immagine su un dispositivo locale, come un hard disk.
ssh_server consente di salvare l’immagine su un server SSH.
samba_server offre la possibilità di creare l’immagine su un server Samba.
nfs_server permette di salvare il file immagine su un server NFS.
enter_shell permette di operare tramite la shell.
skip scrive o legge l’immagine del disco in memoria.

L’opzione più semplice è sicuramente local_dev.
Selezionandola, viene visualizzato un nuovo menu in cui sono mostrati i vari dispositivi collegati al Pc, che possono essere utilizzati per salvare l’immagine.
Ovviamente è necessario scegliere un disco diverso da quello di cui vogliamo creare l’immagine.

Nella fase successiva è possibile scegliere se creare l’immagine di tutto il disco, tramite l’opzione savedisk, o di una partizione, utilizzando l’opzione saveparts.
Nell’ultima fase bisogna poi selezionare il disco o la partizione da usare come sorgente.

La procedura di ripristino di un’immagine disco è simile.
Anche in questo caso bisogna scegliere l’opzione device-image prima e local_dev poi.
Quando vengono mostrati i dischi collegati al Pc, è necessario però selezionare quello in cui è stata salvata l’immagine.
Lo strumento a questo punto mostrerà le opzioni per eseguire il ripristino del disco o di una partizione.

-Nel caso in cui venga invece scelta l’opzione device-device si accede al menu per clonare il disco.
disk_to_local_disk permette di clonare un hard disk collegato al Pc su un altro disco locale.
disk_to_remote_disk offre la possibilità clonare un disco locale su un disco remoto.
part_to_local_part permette di clonare una partizione locale su un’altra partizione locale.
part_to_remote_part offre la possibilità di clonare una partizione locale su una partizione remota.

La procedura da seguire è poi simile a quella che abbiamo visto in precedenza per la creazione di un’immagine del disco.
Viene quindi chiesto di scegliere l’hard disk da utilizzare come sorgente e quello di destinazione.

Altri Programmi
Come abbiamo detto prima, Clonezilla è lo strumento di questo tipo più conosciuto, le alternative però non mancano.

Macrum Reflect, disponibile per Windows in una versione gratis e in una versione a pagamento, è uno dei software per clonare l’hard disk e creare immagini disco più semplici da utilizzare.
La prima cosa da fare, una volta eseguita l’installazione, è creare un Cd di avvio, da utilizzare nel momento in cui si vuole ripristinare l’immagine creata con il programma.
Per creare il Cd di avvio basta accedere al menu Other Tasks e selezionare l’opzione Create Rescue CD.
In questo modo viene creato un file Iso da masterizzare.

come clonare hard diskPer creare l’immagine basta poi selezionare la scheda Disk Image e selezionare l’opzione Image this disk.
La procedura guida permette di selezionare la partizione di cui si vuole creare l’immagine e la destinazione.
Il ripristino può poi essere fatto tramite il programma, accedendo al menu Restore e scegliendo l’opzione Restore Image, o avviando il Pc tramite il Cd creato in precedenza.

Anche clonare il disco è semplice, in questo caso bisogna selezionare il disco e scegliere l’opzione Clone this disk nella scheda Disk Image.
La procedura guidata permette poi di scegliere quale disco utilizzare come destinazione.

clonare disco

Tra le funzionalità segnaliamo la possibilità di programmare i backup, la possibilità di trasformare le immagini disco nel formato di disco virtuale vhd e il supporto per il ripristino di singoli file.
L’applicazione risulta essere veloce e permette di comprimere le immagini del disco.

Paragon Backup and Recovery Free è un altro strumento tramite cui è possibile clonare l’hard disk e fare immagini del disco.
Nella versione gratis alcune funzionalità sono disabilitate ma risultano essere comunque possibile clonare un hard disk e creare l’immagine del disco.
Tra le opzioni disponibili troviamo la possibilità di virtualizzare i dischi, di eseguire il backup su un disco locale o in rete e strumenti per la gestione delle partizioni.
Il programma è disponibile per Windows e risulta essere compatibile anche con le versioni più recenti del sistema operativo, come Windows 8 e Windows 8.1.

come fare immagine disco

Drive Image XML permette di clonare hard disk e partizioni e creare immagini disco.
L’applicazione presenta un’interfaccia non particolarmente curata ma mette a disposizione alcune opzioni interessanti come la possibilità di ripristinare singoli file dalle immagini disco.
Da segnalare inoltre l’utilizzo della tecnologia Microsoft VSS, Volume Shadow Copy Service, che permette di creare immagini di un disco in uso.
Tra i limiti bisogna segnalare la lentezza nel completare le operazioni e la scarsa compressione che offre.
Il programma è disponibile per Windows e risulta essere gratis per utilizzo personale.

clonare hard disk gratis

PING è un’altro strumento gratis disponibile come Live Cd.
Permette di fare il backup di dischi e partizioni e di ripristinarli localmente o tramite la rete.
Supporta file system Ntfs, Fat32, Fat16 e Ext3 e tra le opzioni troviamo la possibilità di fare il backup e il ripristino del Bios.
Come in altre soluzioni di questo tipo, l’interfaccia può risultare complicata per gli utenti meno esperti.

programmi per clonare disco

Come Creare un’Immagine Disco in Windows 8.1

Per concludere questa guida, ricordiamo che Windows permette di creare e ripristinare immagini disco.

Vediamo più nel dettaglio come utilizzare questa funzionalità.
-Aprire il Pannello di Controllo.
-Accedere a Sistema e sicurezza e cliccare Cronologia file.

immagine disco-Cliccare su Backup delle immagini del sistema, in basso a sinistra.
fare immagine del disco-Viene aperta una nuoa finestra.
Come prima cosa è necessario scegliere il percorso in cui salvare il file immagine.
Risulta essere possibile archiviare l’immagine su un disco locale, su un DVD o su un percorso di rete.
Una volta effettuata la scelta, è necessario cliccare il pulsante Avanti.
immagine hard disk gratis

-Nella pagina successiva bisogna confermare le impostazioni e avviare l’operazione cliccando il pulsante Avvia backup.

creare immagine del discoL’operazione è quindi piuttosto semplice.

Conclusioni

Clonare un hard disk e creare un’immagine del disco non è così complicato come molti pensano.
I programmi che abbiamo segnalato permettono di eseguire l’operazione tramite procedure guidate che sono comprensibili anche per gli utenti meno esperti.

Questo tipo di operazioni sono utili in varie situazioni, per esempio nel caso in cui si voglia sostituire l’hard disk installato sul proprio Pc con uno più veloce o che mette a disposizione maggiore spazio.
Quello che bisogna ricordare è però che le immagini del disco non sono la soluzione giusta per i normali backup.
I file immagine sono molto grandi e richiedono tempo per essere creati.
Inoltre, nel caso in cui il computer che utilizziamo smetta completamente di funzionare, non è possibile ripristinare l’immagine su un altro Pc, con hardware diverso, visto che Windows non funzionerebbe correttamente.