Come Convertire ISO in MKV

In questa guida spieghiamo come convertire ISO in MKV

Il vasto mondo dei formati video non di rado crea qualche problema, con i televisori moderni che cambiano continuamente la compatibilità con i formati, anche per una questione commerciale, emerge spesso il problema di una certa tipologia di file che non viene più letta dal software interno della TV. Sicuramente, se stai leggendo questa guida, a te sarà capitato di incontrare un televisore incompatibile con il formato ISO, ovvero quello che viene sempre utilizzato per registrare un video su supporti fisici come i DVD. Il problema della non lettura potrebbe capitare in svariate circostanze, per esempio quando carichi un file ISO sulla chiavetta USB, sperando di vederlo direttamente sul televisore. Se il tuo dispositivo non supporta questo formato, però, hai una soluzione, oggi, dunque, ti spiegheremo come convertire ISO in MKV.

La non compatibilità con il formato DVD Video non è un’eccezione ma quasi la regola, se parliamo dei televisori moderni, si tratta di una precisa scelta dei produttori, che hanno deciso di escludere questo ingombrante formato da quelli compatibili con il proprio televisore. Oggi, sempre più spesso, questa lista si riduce contemplando al suo interno solo i formati più diffusi, come ad esempio l’AVI, ma anche l’MP4. Puoi risolvere il problema convertendo il file ISO in un altro formato video, qui può venirti incontro il formato MKV, Matrioska Video. Prima di vedere come fare questa operazione di conversione, devi comunque sapere una cosa, l’MKV non è un formato di compressione ma un vero e proprio contenitore, il che significa che il processo non includerà alcun tipo di ricodifica del file.

Come potrai immaginare, esistono diversi software che ti permetteranno di convertire il tuo file ISO in altri formati di destinazione, incluso chiaramente il formato MKV. Uno dei programmi più efficienti per fare questo è MakeMKV, si tratta di un software di conversione che ti permetterà di raggiungere questo scopo, una volta che lo avrai installato sul computer. Vediamo come si utilizza. Per prima cosa dovrai lanciarlo e fare click sull’icona a forma di chiave inglese, questo ti permetterà di selezionare la directory di destinazione del file convertito. Una volta fatto questo, dovrai indicare al programma il file fonte, ovvero il file in formato ISO che desideri convertire, ti basta semplicemente andare sull’interfaccia principale e cliccare sul menu a tendina che si trova sotto la dicitura Origine. Da qui potrai selezionare il file che si trova sul tuo computer, o in alternativa il DVD che hai inserito all’interno del tuo lettore.

Fatto questo, dovrai attendere il processo di inizializzazione e di riconoscimento del file, che potrebbe anche durare diversi minuti. Nel mentre, potrai notare i progressi tenendo d’occhio la barra verde sottostante, qui trovi anche una sezione che ti riporta tutte le informazioni trovate dal software in fase di analisi e di inizializzazione del file o del disco. Al termine delle operazioni, il programma sarà riuscito ad identificare tutti i file trovati all’interno del documento, questi includeranno non solo il film, ma anche i vari contenuti extra, nonostante essi non siano facili da riconoscere per via della mancanza del nome. Di contro, puoi individuare facilmente il film, si tratta del file più grande in termini di dimensioni. A questo punto dovrai selezionare il file che desideri convertire in MKV, posizionando un segno di spunta sulla casella accanto al suddetto, fatto questo, non ti resterà altro da fare che cliccare sul pulsante MakeMKV, attendere la fine del processo di conversione del file ISO, e in seguito fare click sul pulsante OK.

Convertire ISO in MKV è quindi semplice.

Migliori Siti per Combinare e Mischiare Nomi Online

Alle volte capita di gironzolare per il web senza una meta precisa, magari a caccia di qualcosa che possa intrattenerci senza pensieri, con il semplice scopo di divertirti. I siti per mischiare e combinare nomi online sono un ottimo esempio di ciò, e non solo, questo perché le queste piattaforme potrebbero anche rivelarsi utili in certi casi specifici. Potresti per esempio avere l’intenzione di trovare un dominio da registrare per il tuo sito web, mischiando il tuo nome e il tuo cognome, così da ottenere un risultato unico, particolare e anche fantasioso. Questi strumenti, poi, potrebbero rivelarsi molto utili anche per la creazione di una nuova password sicura e facile da ricordare. Vediamo quali sono, dunque, i migliori siti per combinare e mischiare nomi online.

 

Al primo posto, in questa speciale classifica di siti per combinare i nomi, troviamo Name Combiner, si tratta di una piattaforma online incredibilmente semplice e utile, anche per via del fatto che non ti obbliga ad alcun tipo di registrazione e dunque di creazione di un account. Ti basta visitare la sua home page e compilare i quattro campi vuoti, facendo questo, e cliccando sul pulsante Combine, otterrai una marea di combinazioni che terranno conto anche degli incroci fra le quattro voci inserite. In pratica, otterrai una lista di combinazioni per ogni incrocio, e dunque molto vasta. Naturalmente non sei obbligato a compilare tutti e quattro i campi, puoi infatti limitarti a due, così da ottenere una lista molto variegata di combinazioni del tuo nome e del tuo cognome.

Name Acronym è un sito che ti mette a disposizione diversi tool aventi a che fare con i nomi, e ognuno con il proprio scopo diverso. All’interno di questi strumenti, troviamo anche Acronym Name Combiner, il suo funzionamento è di fatto identico al precedente, dato che ti permette di inserire più nomi. Addirittura sei, visto il numero di campi che avrai la possibilità di usare. In questo caso, però, la lista che ti viene fornita è molto generica e non ti specifica quali nomi sono stati presi per effettuare la combinazione questo lo mette un gradino sotto rispetto al primo dei siti per combinare e mischiare nomi online che ti abbiamo illustrato poco sopra. Di contro, troverai una marea di risultati diversi. Il funzionamento è molto semplice, dovrai solo compilare i campi che desideri e poi fare click sul pulsante Combine Names.

Anche Couple Name Generator è un’ottima soluzione alternativa per combinare e per mischiare i nomi online. Si tratta, specificatamente, di un tool molto più semplice rispetto ai precedenti, questo perché ti permette di mischiare solo due nomi, vista la presenza di due campi. In pratica, è uno strumento che, come dice il nome stesso, è stato pensato per mescolare i nomi di due partner e per ottenere un risultato divertente, magari da aggiungere come nickname in social network come Facebook. Dopo avere compilato i campi, facendo click sul bottone Generate si ottengono due tipi di risultati,: ognuno dei quali contenente una lista delle combinazioni partendo da un nome o dall’altro.

è uno dei migliori siti per combinare e mischiare nomi online, sebbene somigli molto ai precedenti, soprattutto a Name Combiner, vista la possibilità di inserire quattro nomi da mixare. Anche qui, troviamo davvero poche novità rispetto a quanto visto in precedenza, una volta che avrai inserito i nomi, dovrai semplicemente fare click sul bottone Combine Words per ottenere una lista molto nutrita di voci. Purtroppo, però, queste vengono fornite a caso e sono prive di qualsiasi riferimento all’ordine della combinazione.

Tra gli altri strumenti di questa tipologia troviamo anche Namemesh Company Name Generator, pensato più per le aziende che desiderano trovare un nome per il proprio dominio web, può essere facilmente usato anche per mischiare nomi e cognomi di persone. Di contro, il suo potenziale risulta essere utilissimo soprattutto per le aziende. Inoltre, questo strumento per combinare e mischiare nomi online ti permette di comprare uno dei domini presentati all’interno della lista. Infine, ha un’opzione che presenta anche i sinonimi delle parole che hai inserito.

Girovagando sul web abbiamo trovato tanti altri tool per mischiare i nomi online, sono tutti identici, in quanto posseggono bene o male le stesse caratteristiche di quelli che ti abbiamo già elencato.

Come Aprire le Porte del Router Linkem

In questa guida spieghiamo come aprire le porte del router Linkem.

Linkem è sicuramente uno degli operatori wireless più utilizzati in Italia, soprattutto se si considerano le zone che non vengono raggiunte dalle connessioni cablate canoniche come l’ADSL o i cavi in fibra ottica. Grazie a provider come Linkem, dunque, è possibile installare Internet anche nelle case che si trovano all’interno di zone scoperte dai cavi, ciò risulterebbe altrimenti impossibile, e questo spiega tutta l’utilità di servizi di questo tipo, basati su tecnologie come la LTE o il WiMax. Inoltre, proprio come avviene con tutti gli altri operatori Internet tradizionali, anche con questo ISP è possibile accedere in al router per gestire le porte, ecco perché oggi vedremo insieme come aprire le porte del router Linkem.

Purtroppo, ci tocca cominciare dalle cattive notizie, potresti non essere in grado di aprire le porte del router Linkem. Questo perché l’operazione, nel caso di questo operatore, viene consentita solo in due casistiche, in presenza della sottoscrizione di un contratto Business con Linkem, oppure avendo acquistato servizi come il Cloud o il VPN, Virtual Private Network. Avendo dalla tua questi requisiti, potrai aprire le porte e migliorare così l’esperienza di gaming online o di download dei dati.

Soddisfacendo i requisiti elencati poco sopra, non è affatto difficile intervenire sul Port Forwarding. Per farlo, infatti, dovrai semplicemente aprire il tuo browser e digitare sulla barra degli URL l’indirizzo IP interno del router, che solitamente è 192.168.1.1. A questo punto potrai accedere direttamente al modem e ottenere così la possibilità di gestire le porte del dispositivo.

A questo punto devi fare click sulla sezione del menu Impostazioni di rete, per poi cliccare sulla voce NAT e infine sull’opzione Inoltro porta. Adesso ti troverai davanti alla consueta interfaccia per la gestione delle porte. Risulterà quindi essere possibile configurare la porta esterna sulla quale il modem deve ascoltare le connessioni, e poi la porta e l’indirizzo IP del computer interno su cui si vuole effettuare il Port Forwarding.

Quando avrai portato a termine la fase di configurazione, ricordati di fare click sul pulsante Salva. Se non lo farai, le modifiche non verranno applicate. Inoltre, le operazioni sono molto simili anche in presenza di router alternativi come il router Gemtek, in questo caso dovrai compiere tutti i passi visti in precedenza, selezionare la voce Network, poi l’opzione Gestione porte e infine procedere con la configurazione, per poi salvare le modifiche.