Come Ruotare File PDF

Se ti stai chiedendo come ruotare un PDF, è molto probabile che ti sia capitato di riceverne per mail uno capovolto o con le pagine in formato orizzontale. Sebbene l’effetto ottico sia abbastanza strano, non è un caso poi così raro, anzi, molte persone mettono poca cura quando scannerizzano un documento, e questo provoca appunto la creazione di file completamente ribaltati.

Vediamo cosa puoi fare quando ti succede una cosa del genere. Per iniziare, devi evitare di innervosirti o di scoraggiarti, perché è sempre possibile porvi rimedio. Anche se non sei un esperto di informatica, visto che esistono dei software e delle piattaforme online che ti permettono di ruotare un PDF senza il minimo sforzo. Oggi, dunque, ti spiegheremo proprio questo.

In primo luogo è bene che tu sappia che potrai sfruttare dei programmi gratuiti, per capire come ruotare il tuo file PDF. Nello specifico, uno dei programmi free più semplici da usare e più funzionali allo scopo è PDFill. Una volta che avrai effettuato il download e la successiva installazione, potrai avviarlo.

La procedura è incredibilmente semplice, in pratica devi aprirlo, e selezionare dalla schermata principale l’opzione n.4, ovvero lo strumento Rotate or Crop PDF Pages. Una volta fatto questo, dovrai seguire la procedura per trovare sul PC il file da ruotare e per caricarlo all’interno del programma. Adesso puoi personalizzare la fase di rotazione, non solo puoi scegliere i gradi della rotazione o ricorrere alle impostazioni predefinite, ma anche chiedere al software di ruotare una singola pagina o tutte quante. Puoi anche ottenere la rotazione delle pagine orizzontali o verticali, oppure quelle pari o dispari. Quando PDFill avrà terminato le operazioni di rotazione, ti basterà cliccare sul pulsante Save as per salvare il file di output.

Purtroppo PDFill ha un solo difetto, è disponibile esclusivamente per sistemi operativi Windows, dunque non potrai usarlo se hai un Mac. In questo caso, la soluzione è molto semplice, puoi ruotare i file usando Anteprima, un programma della Apple che viene dato con macOS. Si tratta di un piccolo visualizzatore di file che puoi usare anche per effettuare alcune funzioni di editing di base, le quali comprendono anche la rotazione dei PDF. Se non hai impostato come predefinito un altro programma per la lettura dei PDF, ti basta fare due volte click sul file per avviare questo tool, poi dovrai selezionare lo strumento Ruota e in seguito personalizzare le impostazioni di rotazione del file PDF. Per ruotare tutte le pagine, invece, devi usare lo strumento Vista, poi andare su Miniature, selezionarle tutte e infine scegliere se ruotarle a sinistra o a destra, selezionando Strumenti.

Chiaramente esistono tante altre alternative che puoi usare per ruotare un file PDF, e non è detto che tu debba necessariamente usare un programma per fare tutto questo. Questo è legato al fatto che il web ospita tante altre soluzioni, accessibili direttamente online, si tratta di siti di editing basico che ti permettono diverse operazioni con i PDF, compresa la rotazione. La prima che desideriamo presentarti è RotatePDF, un portale davvero semplicissimo da utilizzare. In pratica, ti basta cliccare sulla voce Select PDF document, scegliere il file dal computer e successivamente impostare l’angolo di rotazione, 90 e 180 gradi orari o antiorari. Arrivato a questo punto dovrai solamente fare click sul pulsante Rotate PDF per avviare le operazioni, e poi scaricare il risultato finale. Considera che con RotatePDF puoi anche caricare un file da un servizio cloud storage come Google Drive o OneDrive, purtroppo non puoi caricare file PDF da Dropbox.

Esiste un altro strumento online molto comodo per ruotare i file PDF, si tratta di SmallPDF, una piattaforma di editing PDF che ospita anche uno strumento specifico per la rotazione. Non servono chissà quali spiegazioni, perché il servizio, oltre ad essere facile da comprendere, è anche in italiano. Di fatto, tu dovrai semplicemente cliccare su Scegli file, poi stabilire quale opzione vuoi usare per il senso di rotazione e come ultimo passaggio fare click sul pulsante viola Applica modifiche. Anche in questo caso puoi scegliere di caricare il file PDF dal tuo PC o da servizi in cloud come Google Drive, a differenza dello strumento precedente qui puoi caricare il PDF anche da Dropbox. Esistono però delle seccanti limitazioni, che appartengono a questo sito,  nello specifico, la versione gratuita ti permette di ruotare un solo file per volta e ti costringe ad attendere 60 minuti per poterne ruotare un altro.

Come Convertire RAW in JPG

Il formato fotografico RAW è un vero e proprio contenitore di informazioni, che può permettere agli appassionati della fotografia di intervenire in modo massiccio in fase di postproduzione e di editing. Si tratta infatti di file contenenti le informazioni catturate dal sensore della fotocamera, convertite in digitale, ma non elaborate dal processore grafico. Detto questo, il formato RAW non consente la pubblicazione sui social network e la stampa, in quanto trattasi di file non elaborati da un processore grafico. Premesso che hai sempre la possibilità di impostare il formato nativo della fotocamera direttamente in JPG, sappi comunque che puoi in qualsiasi momento fare il passaggio da un formato all’altro. Oggi, infatti, ti spiegheremo come convertire RAW in JPG.

Se sei un appassionato di editing fotografico, sicuramente avrai acquistato suite come Adobe Lightroom e Adobe Photoshop, se già possiedi questi programmi o se hai attivato il periodo di trial, sappi che non ti serve altro per effettuare la conversione dei file RAW in formato JPG. Cominciamo proprio da Lightroom, una volta che avrai lanciato il software, dovrai in creare un Catalogo per raccogliere tutte le informazioni e le modifiche effettuate sul documento in RAW. Fatto questo, dovrai andare sulla sezione Libreria, selezionare la foto, e successivamente andare su Sviluppo. A questo punto, dopo averla modificata, puoi fare click con il tasto destro del mouse sulla fotografia e selezionare la voce Esporta, all’interno della scheda dovrai poi indicare come target il formato JPG.

Volendo puoi usare anche Adobe Photoshop per ottenere una perfetta conversione da un formato all’altro. in questo caso, però, le procedure sono diverse. Per iniziare, non è detto che la tua versione sia in grado di farlo. Se non è recente, dovrai obbligatoriamente installare l’estensione Camera RAW. Una volta che lo avrai fatto, ti basterà aprire il file su Photoshop per potere attivare la schermata di Camera RAW, al suo interno troverai svariate opzioni per la modifica della foto, che potrai usare a tuo piacimento. Quando avrai finito, per attuare la conversione dovrai andare sul menu File di Photoshop, selezionare la voce Salva con nome e successivamente impostare JPG come formato di destinazione.

Potresti non avere Photoshop e Lightroom, e potresti non avere voglia di spendere dei soldi per fare questa operazione. Puoi risolvere il problema scaricando e installando Digital Photo Professional, si tratta di un software gratuito prodotto da Canon, che potrai scaricare dal sito ufficiale del produttore, ma solo possedendo una sua fotocamera. L’utilizzo di questo programma per convertire RAW in JPG è davvero molto semplice, dopo averlo lanciato, l’unica cosa che dovrai fare sarà aprire il file RAW caricandolo sulla sezione apposita del software. Poi, facendo doppio click su di esso, avrai accesso alle impostazioni relative alla foto selezionata. Adesso dovrai andare sulla voce File e in seguito selezionare l’opzione Converti e salva, da qui ti basterà selezionare il formato di output JPG e avviare le operazioni di conversione.

Poniamo il caso che tu non abbia la possibilità di installare un programma sul computer, magari perché ti trovi in azienda o stai usando un laptop non idoneo per l’utilizzo di software di editing e vediamo come puoi risolvere il problema. La soluzione è molto semplice, in rete trovi alcune piattaforme che ti consentono di convertire la tua foto in RAW in diversi formati di destinazione, compreso chiaramente il JPEG. Noi ti consigliamo di fare tutto questo usando un sito molto noto come Raw.pics.io, uno strumento apposito che ti permetterà di convertire velocemente il tuo file in questo specifico formato. Per prima cosa dovrai fare click sul pulsante Open file e aprire dunque il file RAW. Fatto questo, dovrai spostarti sul menu Edit, che trovi alla tua sinistra, e qui potrai effettuare tutte le modifiche che desideri. Alla fine delle operazioni, puoi salvare in formato JPG semplicemente cliccando su Save this file e scegliendo JPG come formato di output.

Come Copiare il Percorso di File e Cartelle

In questa guida spieghiamo come copiare il percorso di file e cartelle su Windows.

Oramai siamo abituati a convivere con Windows e con il concetto di computer, da anni ci interfacciamo continuamente con i sistemi operativi Microsoft e, di fatto, abbiamo plasmato la nostra idea di interfaccia utente basandoci proprio sul concetto visivo elaborato da Windows. Eppure, nonostante la nostra altissima padronanza della tecnologia e dei software, spesso cadiamo proprio in quelle piccole cose che apparentemente potrebbero sembrare scontate, e che invece non lo sono. Una di queste è l’utilizzo dei percorsi dei file e delle directory, che spesso si rivelano necessari per esempio quando dobbiamo lanciare un programma dal Prompt dei comandi. In questo caso, venendo a mancare l’utilità dell’interfaccia, emerge la necessità di indicare al sistema operativo l’esatto percorso da compiere per trovare un certo documento. Ecco perché oggi ti spiegheremo come copiare il percorso di un file.

Iniziamo spiegando cosa risulta essere il percorso di un file. Si tratta di un vero e proprio indirizzo che serve per indicare la collocazione di un documento o di una specifica cartella. Immagina il tuo computer come una città popolata da tantissime case, per raggiungere ogni singola abitazione avrai bisogno di un riferimento, e lo stesso dicasi nel caso in cui quello stabile possegga più di un appartamento. In sintesi estrema, conoscendo l’esatto percorso di un file, potrai consentire al sistema operativo di trovarlo, in quanto ogni indirizzo è univoco e riferito esattamente ad un documento o cartella. Volendo scendere nei dettagli, un percorso inizia sempre con l’unità, per esempio C: o D:, seguito dalla strada che porta al file, passando dalle diverse cartelle o sottocartelle, divise dal simbolo \. Dunque, un percorso si presenterà più o meno così, C:\Users\Marco\Desktop\Immagini\prova.jpg.

Volendo potresti aprire il Prompt dei comandi e digitare manualmente l’indirizzo del file che desideri aprire, si tratta però di un’operazione non solo noiosa ma anche complicata, perché potresti essere in presenza di un percorso con numerose sottocartelle, e perché non saranno concessi errori di battitura. Ecco perché è utilissimo conoscere come copiare il percorso di un file, per farlo, ti basta aprire la directory che ospita il documento, selezionarlo, tenere premuto il tasto Shift, cioè quello per il maiuscolo, e fare click con il tasto destro del mouse. Fatto questo, dovrai scorrere l’elenco del menu e selezionare la voce Copia come percorso. Lo stesso metodo è applicabile alle singole cartelle, solo che in questo caso dovrai premere Shift e fare click con il tasto destro non su un file, ma direttamente sull’icona della directory che vuoi tracciare.

Risulta essere importante che tu sappia che puoi anche copiare percorsi multipli di file o cartelle. Ti basta selezionare tutti i documenti o tutte le directory che vuoi copiare sul file di appunti di Windows, e in seguito premere la combinazione di tasti Shift più pulsante destro del mouse, per poi selezionare Copia come percorso. Quando andrai ad incollarli sul Prompt dei comandi, cliccando CTRL + V, vedrai che tutti i percorsi verranno incollati e separati da una riga. Risulta essere anche il caso che tu sappia che potrai sfruttare questa scorciatoia in qualsiasi versione successiva a Windows 8. Infine, chiudiamo con un altro metodo per copiare il percorso di un file, attuabile solo su Windows 10, puoi andare dentro la cartella, cliccare sulla voce Home in alto a sinistra e dopo avere selezionato il documento fare click sull’opzione Copia percorso.

Copiare il percorso di file e cartelle in Windows è quindi un’operazione molto semplice e veloce.

Page 1 of 85123Next »Last »